EURO: nuove banconote in vista

NUOVI disegni, colori modificati, filigrana diversa. E un motivo comune, il mito greco del “Ratto di Europa”, su tutti i tagli. L’euro sta per subire il primo restyling della sua giovane storia. La Banca centrale europea a novembre di quest’anno presenterà la nuova serie di banconote che dovrebbe cominciare a circolare nell’Eurozona già a maggio del 2013.
Perché la moneta unica ha sì appena dieci anni, ma li sente tutti. Troppo bravi sono diventati i falsari nell’imitarla. Troppe le critiche estetiche a quegli stili architettonici così anonimi stampati sui biglietti. E quindi si cambia. I bozzetti delle nuove banconote, selezionati a Francoforte da una commissione interna della Bce, sono coperti dal più rigoroso segreto. Ma qualcosa trapela, a cominciare dal disegno che è stato scelto, addirittura già nel 2004, per sostituire del tutto o in parte gli archi, le finestre e i portali attualmente disegnati. Si tratta dell’immagine della principessa fenicia Europa (da cui prende il nome il Vecchio Continente), figlia del re di Tiro Agenore e di Telefassa. Secondo la mitologia Europa fu rapita da Zeus che di lei si era innamorato e per non intimorirla aveva assunto la forma di un toro bianco ………

Ma come avverrà la transazione? Non è un dettaglio, perché la nuova serie rischia di rendere inservibili tutti i distributori automatici e i bancomat che oggi riconoscono solo le vecchie banconote. E perché già si pensa al caos che si potrà creare con i 200 e i 500 euro, i biglietti che spesso vengono nascosti in cassaforte o sotto il letto per evitare di denunciarli al fisco perché frutto di pagamenti al nero o di riciclaggio.

Ci sono due ipotesi. Il passaggio “morbido” prevede che a partire da maggio del prossimo anno (ma la data potrebbe slittare a ottobre per dare il tempo di stampare più biglietti possibili) le banche cominceranno di volta in volta a ritirare le banconote che hanno esaurito la loro “vita tecnica” (il periodo durante il quale mantengono le caratteristiche e non si deteriorano), sostituendole con le nuove. I tagli piccoli, 5, 10 e 20 euro hanno una vita di circa tre anni. Quindi si ipotizza un lungo periodo di convivenza delle due serie, fino a una “dead line” dopo la quale i vecchi euro non avranno più valore.

 

http://www.repubblica.it/economia/2012/09/06/news/nuovi_euro-42028034/?rss