45 mila studenti inglesi rifaranno gli esami

Un incubo che ai più si ripresenta in notti particolarmente tormentate: rifare l’esame di maturità. Per 45 mila ragazzi inglesi l’incubo si trasformerà in realtà a novembre, quando dovranno  ritentare il Gcse (General Certificate of Secondary Education, l’esame finale degli studi secondari), l’esame finale dell’obbligo, a causa dello scandalo sui punteggi scoppiato in estate. Tra le sessioni di gennaio e giugno i punteggi sono infatti risultati «incoerenti»: troppo generosi nella prima sessione, troppo rigidi nella seconda. E dopo polemiche roventi, battaglie legali, dimissioni e fango versato sul sistema scolastico inglese, la decisione: gli studenti di Inghilterra, Galles e Irlanda del nord  che non hanno conseguito il risultato sperato, potranno ridare l’esame. Secondo la Bbc saranno 45 mila i candidati che si ripresenteranno: uno ogni 14 di quelli che l’esame pensavano di averlo già archiviato…………

….Sullo sfondo, la decennale polemica sul sistema di valutazione anglosassone, che da più parti si chiedeva che venisse equiparato al sistema della maturità in uso nell’ Europa continentale, sul modello del francese baccalauréat. Decisione che, alla fine, è stata adottata nel mese di settembre: dal 2017 l’esame finale dell’obbligo in gran Bretagna passerà dagli attuali 16 ai 17 anni e verrà sostituito con l’English Baccalaureate.

http://www.corriere.it/esteri/12_ottobre_11/inghilterra-maturita-da-rifare_47ad01c4-13a3-11e2-ad6a-6254024087b3.shtml