Respinta la sfiducia al ministro della Giustizia

cancelÈ stata respinta con 405 voti contrari la mozione di sfiducia presentata dal Movimento 5 Stelle, che chiedeva al ministro Anna Maria Cancellieri di lasciare il suo posto al ministero della Giustizia, dopo il caso Ligresti.

Con solo 154 voti a favore e tre astenuti, l’aula ha bocciato la proposta, ponendo fine a una discussione che andava avanti da questa mattina alle 10.30, quando i parlamentari avevano rilasciato le loro dichiarazioni, a cui aveva fatto seguito la difesa del ministro Cancellieri e il voto nel primo pomeriggio.

http://www.ilgiornale.it/news/interni/caso-ligresti-camera-si-decide-sulle-dimissioni-cancellieri-969086.html

Ancora una sentenza sull’accesso al servizio civile

Non è bastata la sentenza di un giudice che già quasi due anni fa aveva sanzionato il comportamento “discriminatorio” da parte dello Stato: ce n’è voluta un’altra sulla stessa linea. E questo perché quando è stato pubblicato un nuovo bando per cercare volontari disponibili al servizio civile, poco più di un mese fa,  è stata inserita ancora una volta quella clausola che impediva agli stranieri residenti in Italia di partecipare. Così oggi è toccato nuovamente alla magistratura intervenire con un’ordinanza per imporre agli uffici della presidenza del consiglio di riaprire il bando per l’accesso anche degli immigrati regolari.

Secondo il giudice Fabrizio Scarzella, della sezione Lavoro del tribunale di Milano, sulla base dell’articolo 2 della Costituzione deve essere permesso “allo straniero residente in Italia di concorrere al progresso materiale e spirituale della società e all’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale attraverso la sua partecipazione al servizio civile nazionale”. A presentare il ricorso, accolto dal magistrato, sono state le associazioni ‘Studi giuridici sull’Immigrazione’ e ‘Avvocati per Niente onlus’. E con loro soprattutto quattro giovani stranieri, tra cui un cingalese e una marocchina: residenti in Italia da oltre dieci anni e assistiti dagli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri, chiedevano semplicemente di poter presentare la domanda di servizio civile.il “bando per la selezione di 8.146 volontari da avviare al servizio nell’anno 2013 nei progetti di servizio civile in Italia e all’estero”, pubblicato il 4 ottobre scorso, era aperto solo ai cittadini italiani.

A nulla era servito il fatto che nel gennaio del 2012 la sezione Lavoro del tribunale di Milano, in relazione a un precedente bando, avesse stabilito, accogliendo il ricorso di uno studente pakistano, che gli immigrati che hanno il permesso di soggiorno fanno parte “in maniera stabile e regolare” della “comunità” e che quindi anche a loro deve essere riconosciuto il diritto di svolgere il servizio civile. Servizio civile che è anche – scrisse il giudice – un dovere di “solidarietà politica, economica e sociale” nei confronti della “patria” in cui vivono.

La sentenza è stata richiamata nella sua ordinanza dal giudice Scarzella, il quale spiega inoltre come “il termine cittadino“, in relazione alle norme sul servizio civile, “va inteso riferito al soggetto che appartiene stabilmente e regolarmente alla comunità italiana con conseguente illegittimità, per discriminatorietà, dell’articolo 3 del bando impugnato”, che negava l’accesso agli stranieri. Il servizio civile, si legge nell’ordinanza, “tende a proporsi come forma spontanea di adempimento del dovere costituzionale di difesa della patria”

Da qui l’ordine del giudice “all’Ufficio nazionale per il servizio civile di cessare il comportamento discriminatorio, di modificare il bando nella parte in cui prevede il requisito della cittadinanza consentendo l’accesso anche agli stranieri soggiornanti regolarmente in Italia e di fissare un termine non inferiore a dieci giorni dalla comunicazione della presente ordinanza per la presentazione delle ulteriori domande di ammissione”. L’ordinanza, ha spiegato l’avvocato Guariso, “è immediatamente esecutiva e il ministero non potrà cercare di sottrarsi nuovamente, come ha fatto lo scorso anno, alla sua esecuzione

http://milano.repubblica.it/cronaca/2013/11/19/news/il_giudice_basta_con_le_discriminazioni_il_servizio_civile_va_aperto_agli_immigrati-71366557/?ref=HREC1-25

La battaglia (vinta) di Naoual e Maryana per il servizio civile

http://lacittanuova.milano.corriere.it/2013/11/20/la-battaglia-vinta-di-maryana-e-naoual-per-il-servizio-civile/

 

I genitori sognano un figlio medico

E’ un mito che resiste alla crisi, alla disoccupazione giovanile e all’ondata di precariato che sta invadendo anche il settore sanitario: non c’è nulla da fare, i genitori sognano il figlio dottore. Il medico resta la professione più amata dalle famiglie italiane, che continuano a sperare nell’arrivo in casa di un camice bianco. E se con l’anatomia non c’è alcun feeling, resta la speranza del figlio imprenditore.

Quindi è in ospedale o in azienda che i genitori vedono il futuro della loro prole: il 22 per cento punta sul figlio dottore, il 20 sull’uomo d’industria. Molti sono attratti anche dal settore finanziario (13 per cento) e in diversi casi (7 per cento) – forse anche grazie alla sovraesposizione televisiva della professione – non dispiace nemmeno l’idea del figlio chef.

Speranze che i ragazzi condividono solo in parte: nella top ten delle professioni più amate dai figli, ai primi due posti, infatti, ci sono sì quella del dottore e dell’imprenditore (pur se in posizione inversa: 16 e 20 per cento), ma trovano spazio in graduatoria anche professioni considerate meno solide, ma più legate a passioni personali. Come quella dell’agente di viaggio (10 per cento), dello sportivo, dell’impiegato in una organizzazione benefica o addirittura del politico (ruoli desiderati dall’8 per cento dei ragazzi).

A stilare le due classifiche dei sogni è un’indagine di Linkedin, il maggior network professionale al mondo (259 milioni di iscritti di cui 5 in Italia), realizzata pochi giorni fa – con un sondaggio on line ….

Quanto ai ragazzi italiani, massacrati da una disoccupazione giovanile insostenibile (40,4 per cento) considerano che la possibilità di svolgere la professione dei sogni resti una delle cose più importanti della vita. Ne è convinto il 48 per cento del campione intervistato, la percentuale più alta fra i giovani europei

http://www.repubblica.it/economia/2013/11/17/news/i_genitori_spingono_per_avere_un_figlio_medico_i_giovani_inseguono_la_professione_dei_sogni-71214598/

Cina, finisce l’era del figlio unico

bimbo chQualcosa si muove davvero nella Città Proibita del potere cinese. Il governo ha deciso di allentare la «politica del figlio unico» e di abolire i «campi di rieducazione attraverso il lavoro». Due sistemi da Stato di polizia odiati dai cinesi e odiosi per il mondo. Due sistemi che hanno ucciso, oppresso e fatto soffrire milioni di esseri umani. La promessa è contenuta nel lunghissimo comunicato del Terzo Plenum del Comitato centrale comunista, quello di cui finora si era parlato per la nuova apertura al mercato. Ma ora le riforme prendono un aspetto umano che mette in ombra ogni calcolo di macroeconomia. I più ottimisti lo chiamano già «il manifesto sociale» del presidente Xi Jinping.

La legge del «figlio unico», che dalla fine degli anni Settanta ha causato una strage di bambini mai nati, viene rivista: d’ora in poi nelle città, le famiglie in cui uno dei genitori sia figlio unico potranno «permettersi» di avere due bambini. La Cina cominciò ad «incoraggiare» le coppie a fare meno figli nel 1971, per evitare l’esplosione della bomba demografica. Nel 1980 il regime impose la «politica del figlio unico». …

L’altro grande annuncio è l’abolizione del «laojiao», la «rieducazione attraverso il lavoro» forzato, un sistema di campi di concentramento che era stato istituito negli anni Cinquanta da Mao Zedong per punire i «contro-rivoluzionari». Ci sono passati milioni e milioni di sventurati. Il loro numero è incerto, perché la sanzione era amministrativa, lasciata all’arbitrio delle varie polizie locali, senza bisogno nemmeno di rivolgersi a una magistratura comunque al servizio dello Stato. Si poteva finire in «rieducazione» forzata per piccoli furti, per prostituzione, per dissenso, semplicemente perché si protestava per i propri diritti violati. E si poteva essere chiusi in un campo fino a quattro anni, senza nemmeno una finzione di processo. A discrezione delle autorità di polizia locali. Il «laojiao» per esempio è la punizione tipica per chi presenta petizioni al governo centrale, lamentandosi per ingiustizie subite nelle lontane città e nei villaggi, mettendo così in cattiva luce i capi del posto.  Nel comunicato del Comitato centrale si parla di «un grande sforzo per proteggere i diritti umani».

E si promette di ridurre il numero dei crimini soggetti a pena di morte: «Passo dopo passo». Oggi la Cina punisce con la pena di morte 55 reati. …..

http://www.corriere.it/esteri/13_novembre_16/cina-finisce-l-era-figlio-unico-si-chiudono-campi-rieducazione-742d03ec-4e86-11e3-80a5-bffb044a7c4e.shtml

I dipendenti dichiarano più degli imprenditori

avas fiscIl reddito medio dichiarato dai dipendenti è di 20.680 euro, quello degli imprenditori 20.469 euro.

I pensionati si fermano a 15.790 euro.

È il quadro che emerge dalle statistiche sulle dichiarazioni Irpef 2012 in base al reddito prevalente, pubblicate dal Mef.

I soggetti con reddito da lavoro dipendente prevalente (oltre 20,1 milioni) dichiarano un reddito medio di 20.680 euro, il 53% detiene soltanto tale reddito di specie (questi soggetti sono concentrati prevalentemente nelle fasce di reddito

I soggetti con reddito prevalente da pensione sono più di 14 milioni (93% di coloro che dichiarano reddito da pensione) e dichiarano un reddito medio di 15.790 euro. ….

I soggetti con reddito d’impresa prevalente sono circa 1,5 milioni (89% di coloro che dichiarano reddito d’impresa), per un valore medio di 20.469 euro

I soggetti con reddito da lavoro autonomo prevalente sono circa 570.000 ….

http://www.lastampa.it/2013/11/14/economia/fisco-i-redditi-dei-dipendenti-superano-quelli-degli-imprenditori-qun0XkLcAomM3nZgX1Qw5K/pagina.html

Simpson e Parlamento italiano

Questa scuola è più corrotta del Parlamento italiano».  Kent Brockman, il giornalista di Springfield, bolla con questa battuta l’istituto del preside Skinner. La «battuta»   nella puntata dei «Simpson» andata in onda lo scorso 10 novembre su Fox. L’episodio ancora non è stato trasmesso in Italia ma già fa discutere.

http://video.corriere.it/questa-scuola-piu-corrotta-parlamento-italiano-simpson-all-attacco/34b439c0-4c78-11e3-b498-cf01e116218a

Big King o Big Mac?

bigkingLa sfida tra i due colossi degli  hamburger va avanti dal 1954, quando due giovani studenti universitari,  James McLamore e David Edgerton  entrano per la prima volta nel ristorante di Dick e Mac McDonald a San Bernardino in California, decidono di seguire la stessa strada e fondano la catena Burger King. Da allora è una rincorsa continua. Il Financial Times, in un editoriale,  applaude gli ultimi risultati  di Burger King, che – se stenta  ancora in patria dove soffre lo strapotere del “nemico” – conquista  all’estero importanti quote di mercato ai danni dell’antagonista.  Asia, America Latina  ed Europa regalano soddisfazioni,  con un incremento del volume d’affari dal 2,1 al 3,7 per cento.

Anche  la quotazione in Borsa va molto meglio: Burger King ha guadagnato il 40% dall’inizio  dell’anno, più della rivale.
E adesso l’attacco parte sul terreno casalingo con una strategia  innovativa e antichissima allo stesso tempo. La filosofia è semplice: se loro fanno una cosa buona che funziona copiamola e cerchiamo di farla meglio.

La prima novità, il ritorno in grande  stile del Big King, il super panino  a più strati traboccante di mayonnese e grassi saturi, destinato  a scontrarsi con il fuoriclasse  della categoria: il Big Mac.  Alla notizia le agenzie di stampa  regalano l’urgenza delle notizie  da prima pagina. La rete televisiva  Cnbc racconta la sfida in uno speciale e gli ascolti sono subito da record, a conferma della passione del pubblico per hamburger e dintorni. La ricetta del nuovo piatto Burger King la racconta la cronista Jane Wells (una delle firme di punta dell’economia):  due polpette di manzo,  un salsa speciale, lattuga, cipolla,  sottaceti e il pane al sesamo.  Il risultato è incerto sino alla  fine, ma ai punti trionfa Big King: cotto meglio e più saporito,  è l’inflessibile verdetto.
Stessa tattica nel lanciare nuovi bocconcini di pollo fritti, e immancabilmente il “New York Post” non si lascia sfuggire la battuta: “Sono ottimi, sembrano  i Chicken McNugget”, con ovvio riferimento al piatto identico  lanciato da McDonald’s nel lontano 1983 e servito in svariati  miliardi di dosi da allora

. Ma intanto i risultati arrivano copiosi e positivi, e gli analisti danno ragione all’operazione: “Nel mondo dei fast food tutti copiano tutti, da sempre. Il campo  di azione è limitato e dunque si tratta di far meglio quello che gli altri già fanno”, spiega seriosamente  alla rivista finanziaria “Forbes” Scott Hume, editor di Burgebusiness.com.

Il Big King contiene poi un segreto  rispetto al rivale, che svela la fase due del piano di Burger King: conta 510 calorie contro le oltre 550 del panino di McDonald.  Ed è questa la vera arma segreta:  ovvero rendere un po’ meno “junk” il menù offerto, addirittura incredibili dictu più salutare  (o meno dannoso), il tutto  senza ovviamente perdere sapore.

Negli Stati Uniti infatti è in atto  una rivoluzione culturale che sta, piano piano, modificando la dieta delle famiglie americane: mangiare inizia a far rima con qualità, la salute si siede a tavola. …………….

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2013/11/11/news/burger_king_sorpassa_sua_maest_big_mac_la_sfida_senza_fine_allultimo_hamburger-70707085/?ref=HRLV-4