Il testo della seconda prova a.s. 2015/16

wordle-scuola[1]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per la scuola, si è riconosciuto che spetta alla Repubblica dettare le norme generali

sull’istruzione, organizzare la scuola di Stato in tutti i suoi gradi, assicurare ad enti e

privati la facoltà di istituire altre scuole. Tutto ciò non costituisce un monopolio statale;

ed è ammessa la libertà di insegnamento. Ma l’organizzazione della scuola pubblica è

una delle precipue funzioni dello Stato; e quando le scuole non statali chiedono la

parificazione, la legge ne definisce gli obblighi e la sorveglianza da parte dello Stato, e

nel tempo stesso ne assicura la effettiva libertà garantendo parità di trattamento agli

alunni, a parità di condizioni didattiche. La serietà degli studi e l’imparziale controllo su

tutte le scuole statali e non statali sono garantiti con l’obbligo dell’esame di Stato, non

solo allo sbocco finale ma anche in gradi intermedi. Uno dei punti al quale l’Italia deve

tenere è che nella sua costituzione […] sia accentuato l’impegno di aprire ai capaci e

meritevoli, anche se poveri, i gradi più alti dell’istruzione. Alla realizzazione di questo

impegno occorreranno grandi stanziamenti; ma non si deve esitare; si tratta di una delle

forme più significative per riconoscere, anche qui, un diritto della persona, per utilizzare

a vantaggio della società forze che resterebbero latenti e perdute, di attuare una vera ed

integrale democrazia. (Relazione del Presidente della Commissione, Progetto di

Costituzione della Repubblica Italiana, Roma, 6 febbraio 1947)

Il testo completo

Seconda prova a.s. 2015/16

 

Meuccio Ruini

http://www.treccani.it/enciclopedia/meuccio-ruini/