SE IL CAFFE’ DELLA BREBEMI VAL SUL CONTO DELLO STATO

caffPer tre punti allineati passa una sola retta. Ma la verità euclidea, se applicata a un’autostrada, non traduce necessariamente quella retta nella via più economica né tantomeno in quella più redditizia. Ed è il caso della Brebemi, la Brescia-Bergamo-Milano, nata come un’opera infrastrutturale capace di decongestionare il traffico sulla direttrice Lombardia-Veneto, tagliando la pianura con una retta parallela alla A4. La tempistica è quasi da record: ideata nel 1996, lavori iniziati nel 2009, in esercizio da luglio dello scorso anno. Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni parla di straordinario successo, si allinea il premier Matteo Renzi. Ma i risultati parlano di un flop, con pesanti ripercussioni economiche. Gli ultimi dati finanziari disponibili segnalano 14mila veicoli in transito in media al giorno, mentre le previsioni ne stimavano 60 mila. Così i ricavi da pedaggio si sono fermati a 11,7 milioni di euro, inferiori persino ai costi operativi (14,2 milioni), e il primo bilancio ha registrato un passivo di 35,4 milioni. La società spera nell’aiuto della tangenziale esterna di Milano (qualche progresso nel recente traffico c’è stato) e attribuisce il cattivo risultato all’avviamento e alla crisi economica. Crisi a senso unico, visto che sulla parallela A4 il traffico è aumentato del 2,5 per cento. In sostanza per il momento l’opera non solo non riesce a pagare il debito contratto con le banche, ma continua ad accrescerlo. E i soci guardano con preoccupazione al futuro, specialmente Intesa San Paolo, che è azionista di maggioranza con il 42 per cento di Autostrade Lombarde, che a sua volta controlla il 79% circa di BreBeMi. Ora la società cerca di correre ai ripari incentivando il consumo di chilometri sul suo asfalto con tecniche da supermercato: sconti del 15 per cento sul pedaggio e addirittura un caffè omaggio a chi effettua una sosta nelle aree di servizio. Offerta, quest’ultima, quanto meno pittoresca se si pensa che l’autostrada doveva servire ad abbreviare i tempi di percorrenza; il caffè renderà magari più vigili i conducenti, ma di certo non riduce i tempi, anche se è gratis. E in ogni caso non risanerà il bilancio. Così tutti sperano nell’intervento del Cipe, che era stato già ventilato nella legge di stabilità 2014, sotto forma di contributo alla realizzazione di “opere di interconnessione di tratte autostradali per le quali è necessario un concorso finanziario per assicurare l’equilibrio del Piano economico e finanziario”. Se questo avvenisse, assisteremmo all’ennesima opera che nasce come iniziativa dei privati, ma che alla fine vede lo Stato subentrare come pagatore di progetti sbagliati. Il Cipe ancora non ha deliberato, ma le pressioni sono tante. Vediamo se quel caffè gratis offerto da BreBeMi, alla fine, finisce sul conto del debito pubblico italiano. 

Fabio Bogo

Repubblica

(01 giugno 2015)

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2015/06/01/news/se_il_caff_della_brebemi_val_sul_conto_dello_stato-115854267/?ref=search

IL CIPE

http://www.programmazioneeconomica.gov.it/

 

Accise e Laffer

prezzi-benzina[1]I prezzi del carburante sono troppo alti per colpa delle accise e così lo Stato incassa molto meno dalla vendita di benzina e gasolio. Un boomerang che nel solo mese di dicembre è costato al Fisco quasi il 10% di entrate.  

 Nei trenta giorni esaminati, il gettito relativo a questa particolare voce, è infatti rimasto indietro del 7,2%. Il calcolo dei soldi che mancano all’appello lo ha fatto il Centro Studi Promotor (Csp) che ha già lanciato l’allarme sull’intero 2013: di questo passo lo Stato rischia di veder sparire circa 2,6 miliardi di tasse. Basta che nei prossimi 12 mesi il trend prosegua sugli stessi livelli di dicembre. La colpa, sottolinea il Centro Studi, è del cosìddetto effetto Laffer, «cioè il calo del gettito a fronte di una tassazione eccessivamente elevata».  

 Ma il portafogli degli automobilisti, si sa, è già parecchio bersagliato da balzelli vari e rincari continui. Solo nelle ultime settimane sono scattati aumenti in autostrada, aumenti delle multe e dell’Rc Auto. Già l’anno scorso molte famiglie avevano messo un freno alla spesa alla pompa. Dal bilancio dell’ultimo anno emerge infatti che i consumi di benzina e gasolio in Italia sono calati del 10,5%.

http://www.lastampa.it/2013/01/29/economia/gli-italiani-non-fanno-piu-il-pieno-il-fisco-rischia-di-rimetterci-miliardi-EjSegHcEREFQY2Z92VMqrK/pagina.html

La parabola delle Acciaierie

Il centro commerciale «Le Acciaierie» di Cortenuova ricorda davvero un sogno. Come una città incantata, uscita da le Mille e una notte sorge nelle campagne tra Covo e Calcio. Svetta all’improvviso in un angolo della Bassa ancora profondamente agricolo, lo si capisce dalla lunghezza dei campi. Le stoppie del mais si susseguono fino a che l’occhio non riesce a seguirle. E in fondo si staglia il centro commerciale con le sue luci, solitario e imponente. Facile ora chiamarlo un cattedrale nel deserto. Ma nel 2005 la musica era diversa…..

Nel 2007 il centro fu inaugurato con sfarzo. La prima pietra di un progetto ancora faraonico. Il centro commerciale infatti era il primo mattone di una complesso che nel corso degli anni ha preso forma con un albergo, un parkvillage con sale giochi, cinema e locali. Un taglio del nastro giocato d’anticipo che voleva bruciare i tempi. La Brebemi era attesa per il 2011 e il sito de «Le Acciaierie» ancora lo ricorda, mentre se non ci saranno ritardi l’autostrada sarà aperta nel 2013. Quattro anni allora sembravano pochi. Meglio prendere posizione per essere i primi quando dai caselli sarebbero usciti migliaia di visitatori e insieme a loro l’economia della zona avrebbe accelerato. Un bel sogno si diceva, come una corsa all’oro nel Far West. Ora non ne rimane niente…..

http://bergamo.corriere.it/bergamo/notizie/cronaca/12_settembre_10/acciaierie-cortenuova-brebemi-centro-commerciale-bergamo-2111756477142.shtml