I vizi che piacciono al fisco

L’Italia è un Repubblica – fiscalmente parlando – fondata sui vizi. Aggrappata a Bacco, tabacco e Venere (sotto forma di Dea bendata) per far quadrare i conti dello Stato. Le tasse su sigarette, alcol, slot machine e gratta e vinci vari hanno garantito nel 2016 un gettito di quasi 25 miliardi, più o meno quanto rendono le accise sui carburanti. Nei primi tre mesi del 2017 – grazie al balzo (+15.9%) delle entrate da “apparecchi e congegni di gioco”, alias le slot machine – è arrivato il sorpasso: benzina e diesel hanno portato 5 miliardi nelle casse del Tesoro, i dazi sui vizi ne hanno raccolti 6, quasi il 7% delle imposte totali pagate nel periodo (95) miliardi. Il trend, oltretutto, è destinato ad accentuarsi: la manovra allo studio del Parlamento in questi giorni prevede un altro giro di vite fiscale -125 milioni l’anno a regime – sulle sigarette e un riordino delle aliquote sull’azzardo che porterà sì (ed era ora) a una prima riduzione delle slot ma garantirà comunque, grazie a uno strategico ritocco alle aliquote su vincite e giochi, un aumento degli incassi dello Stato. Non solo. Nel mirino dell’erario, ad abundantiam, è entrato ora un altro peccatuccio nazionale: le bevande gassate. La prima bozza della manovra prevedeva – nel supremo interesse dei girovita italiani – un giro di vite sulle bibite zuccherate. Incasso previsto: 200 milioni. Un aiutino (per ora accantonato) decisivo per centrare gli obiettivi di finanza pubblica imposti a Roma da Bruxelles.
Al Bancomat dei vizi tricolori, lo sportello più redditizio è quello del gioco. Nel 1985, l’era in cui il sogno nazionale era il 13 al Totocalcio, il fisco incassava 790 milioni. Ora i tempi sono cambiati, la schedina è archeologia del settore e dettano legge slot e poker online. Il gettito però è decollato, arrivando attorno a quota 12 miliardi l’anno (32 milioni ogni 24 ore) grazie a una moltiplicazione geometrica di offerte e a una giungla di aliquote in cui l’unico che fa sempre Jackpot è lo Stato. Il Tesoro incassa 53,6 centesimi ogni euro speso al superenalotto, sta alzando in queste settimane dal 17% al 19,5% – il quarto ritocco all’insù in pochi anni – il prelievo unico sulle slot, si mette in tasca più di un euro ogni 5 euro di Gratta & Vinci venduti. E la pressione fiscale in continua crescita – più che scoraggiare l’azzardo – sembra invece incentivarlo.
Il vizio più costoso per il consumatore invece (anche a voler parlare solo di portafoglio e non di salute) è quello del tabacco. Il costo industriale di un pacchetto di sigarette, dicono fonti di settore, è attorno ai 15 centesimi. Al dettaglio però costano circa 5 euro. Dove va la differenza di 4,85 euro? Ben 2,73 euro sono accise, 90 centesimi è l’Iva. Il 10% va al venditore, il 13% – circa 80 centesimi – al produttore. Come dire che lo Stato si mette in tasca il 77% del prezzo finale, pari in un anno a circa 11 miliardi. Un carico fiscale superiore persino a quello astronomico che grava sui carburanti, dove le accise destinate ancora a finanziare il terremoto del Belice (1968) e la Guerra d’Etiopia (1935) pesano oggi 1 euro sugli 1,52 del prezzo della verde alla pompa. Calcolatore alla mano, per ogni euro che mettiamo nel serbatoio 66 centesimi vanno direttamente all’erario. Se si calcola anche l’Iva sui pacchetti di sigarette, il tabagismo nazionale porta nelle casse dell’erario oltre 13 miliardi l’anno.
L’alcol è invece, in campo fiscale, la cenerentola (e in apparenza il meno costoso) dei vizi. La lobby del vino con un sapiente lavoro di moral suasion parlamentare ha sempre tenuto sotto controllo le accise, pur aumentate almeno quattro volte negli ultimi sette anni. E le tasse sugli spiriti portano al Tesoro poco più di 600 milioni l’anno. Briciole. Che sommate però alla montagna d’oro spremuta a sigarette e giochi hanno consentito all’Italia e al suo bilancio di ammortizzare – finora senza contraccolpi – l’addio all’Imu. Il Tesoro ha incassato nel 2015 grazie all’ultima stangata sulla prima casa 15 miliardi, 10 in meno di quanto ne garantiscono oggi bacco, tabacco e dea bendata. Un tris d’assi che rende otto volte di più dei balzelli sulle bollette di luce e gas ed è pari ormai al 20% del gettito dell’Irpef nazionale. I peccati, una volta, si pagavano nell’aldilà. Ora un anticipo tocca versarlo pure allo Stato.

ETTORE LIVINI

La Repubblica, 5 giugno 2017

Mini euro e saldi sul petrolio: una buona notizia

 

eurodollL’Italia inizia il 2015 accendendo un cero al mini-euro e ai grandi saldi sul petrolio. Il crollo della moneta unica e del greggio “sono le migliori notizie di quest’anno per il nostro Paese”, sintetizza Gregorio De Felice, responsabile della Direzione Studi e ricerche di IntesaSanPaolo: festeggia il Tesoro che – ai valori attuali – vedrà il Pil crescere dello 0,6% più del previsto. Stappano lo champagne le imprese (almeno quelle esportatrici) per cui le stime parlano di 10 miliardi di vendite aggiuntive all’estero. E, una volta tanto, sorridono anche i consumatori che hanno già visto scendere del 15% da agosto il costo del pieno per l’auto e calare le bollette di luce (-3%) e gas (-0,3%) a gennaio.

EFFETTO-PIL
“Il petrolio a 60 euro al barile vale da solo uno 0,5% di Pil in più“, ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. Il mal sottile dell’oro nero è in effetti un toccasana per l’Italia. La bolletta energetica 2014 del Belpaese è stata pari a 45 miliardi di euro, 11 miliardi in meno dell’anno precedente. E se il barile resterà a un livello medio di 75 dollari (ben sopra le quotazioni attuali) quest’anno potremmo risparmiare altri 6 miliardi sugli acquisti di energia. Per l’Ufficio studi di Confindustria, l’effetto-greggio regalerà al nostro prodotto interno lordo un +0,32% quest’anno e un +0,59% nel 2016.

“Il calo dell’euro può valere ancor di più”, assicura De Felice. IntesaSanPaolo calcola che quando la moneta unica perde il 10% del suo valore, l’economia italiana cresce dello 0,4%. Il cambio medio sul dollaro nel primo semestre del 2014 è stato di 1,37 e il deprezzamento a ieri era già pari al 13%. I calcoli sono presto fatti: l’effetto del crollo della valuta e del petrolio potrebbe più che raddoppiare da solo la dinamica della crescita dell’Italia, fissata per ora al +0,5% nel 2015.

I BENEFICI PER LE FAMIGLIE
Il più immediato, quello che tocchiamo con mano ogni volta che facciamo il pieno all’auto, è quello sul carburante. A luglio un litro di gasolio nei distributori italiani costava in media 1,63 euro. Oggi siamo attorno agli 1,4. Il prezzo di un rifornimento da 50 litri è calato così da 80 euro a 69. Il risparmio complessivo per chi fa 15mila chilometri l’anno con un’utilitaria è di 550 euro in 12 mesi. Il calo della benzina ci dovrebbe consentire di spendere meno anche per acquistare altri beni di consumo, alimentari compresi. Basta pensare che il costo del trasporto, secondo Coldiretti, incide fino al 35% sui prezzi dell’ortofrutta.

Al ribasso hanno iniziato a muoversi anche le bollette, pur se in modo molto più lento. A gennaio l’Authority dell’energia ha annunciato un taglio del 3% sulla luce e dello 0,3% sul gas. Briciole rispetto al crollo del greggio. Ma la colpa è almeno in parte dei meccanismi di calcolo. Ribassi più consistenti, promettono gli esperti, dovrebbero materializzarsi con la revisione tariffaria in primavera. Nell’anno tra aprile 2014 e marzo 2015 la famiglia media italiana ha risparmiato 3 euro sull’elettricità e 72 euro sul gas.

PIÙ UTILI IN AZIENDA
L’euro debole, da che mondo è mondo, è una buona notizia per un’industria come quella italiana molto votata all’esportazione. I numeri già disponibili fotografano i benefici in cifre. Dopo un inizio 2014 in sordina, il ribasso della moneta unica ha fatto da volano a una robusta ripresa delle vendite nell’area non-euro, cresciute negli ultimi tre mesi del 3,2% malgrado il crollo in Russia (causa sanzioni) e Ucraina. Se l’euro si assesterà a quota 1,15 – calcola IntesaSanpaolo – le imprese italiane incasseranno nel 2015 10 miliardi in più grazie all’export. Un’ottima notizia per settori vitali per il Made in Italy come il sistema moda, che genera all’estero il 52% del fatturato, la meccanica (+7,8% tra agosto e novembre) e l’agroalimentare. Il petrolio invece darà una mano alle realtà più energivore come la siderurgia, un altro piccolo aiutino per lo Stato impegnato a rilanciare in proprio l’Ilva.

“Il fattore export potrebbe da solo regalare un altro +0,3% al Pil italiano nel 2015”, calcola De Felice. Attenzione però: “Greggio ed euro sono due fattori esogeni che non hanno niente a che vedere con la nostra capacità di fare politica economica”, conclude. Tradotto in soldoni: come sono scesi a picco in poche settimane, altrettanto velocemente potrebbero invertire la rotta. L’Italia, insomma, oggi può festeggiare. Ma per il futuro meglio che impari a salvarsi con le sue forze.

http://www.repubblica.it/economia/2015/01/06/news/i_doni_per_l_italia_da_mini-euro_e_greggio_pil_a_velocit_doppia_sconti_alle_famiglie-104368129/

Accise e Laffer

prezzi-benzina[1]I prezzi del carburante sono troppo alti per colpa delle accise e così lo Stato incassa molto meno dalla vendita di benzina e gasolio. Un boomerang che nel solo mese di dicembre è costato al Fisco quasi il 10% di entrate.  

 Nei trenta giorni esaminati, il gettito relativo a questa particolare voce, è infatti rimasto indietro del 7,2%. Il calcolo dei soldi che mancano all’appello lo ha fatto il Centro Studi Promotor (Csp) che ha già lanciato l’allarme sull’intero 2013: di questo passo lo Stato rischia di veder sparire circa 2,6 miliardi di tasse. Basta che nei prossimi 12 mesi il trend prosegua sugli stessi livelli di dicembre. La colpa, sottolinea il Centro Studi, è del cosìddetto effetto Laffer, «cioè il calo del gettito a fronte di una tassazione eccessivamente elevata».  

 Ma il portafogli degli automobilisti, si sa, è già parecchio bersagliato da balzelli vari e rincari continui. Solo nelle ultime settimane sono scattati aumenti in autostrada, aumenti delle multe e dell’Rc Auto. Già l’anno scorso molte famiglie avevano messo un freno alla spesa alla pompa. Dal bilancio dell’ultimo anno emerge infatti che i consumi di benzina e gasolio in Italia sono calati del 10,5%.

http://www.lastampa.it/2013/01/29/economia/gli-italiani-non-fanno-piu-il-pieno-il-fisco-rischia-di-rimetterci-miliardi-EjSegHcEREFQY2Z92VMqrK/pagina.html

Tagli al carrello della spesa

carrelloUn miliardo di euro di telefonate in meno. Sei miliardi (potenziali) risparmiati su benzina e gasolio per l’auto, 18 miliardi sulla casa. Basta cappuccino al bar e niente macchina nuova. Le famiglie tricolori festeggiano, si fa per dire, il successo della loro personalissima spending review. I conti domestici faticano non tornano da tempo: la pressione fiscale è salita in un anno dal 42,5% al 44,7%, il potere d’acquisto è crollato del 4,1%….

L’auto è la vittima eccellente dell’austerity casalinga. Una scelta quasi obbligata: la raffica di aumenti delle accise (sulla verde sono salite del 22% tra gennaio e agosto 2012, sul diesel del 33%) ha fatto decollare i prezzi del carburante. E noi, difficile fare diversamente, ne compriamo sempre meno…

Nessuno si stupisce, visti i costi di gestione, se in tantissimi hanno rimandato l’acquisto dell’auto. Le vendite sono crollate del 20% rispetto a un anno fa e quest’anno gli italiani investiranno “solo” 28,7 miliardi per sostituire la loro quattroruote, 7 miliardi in meno del 2011….

Piange il telefono. Di fronte alla corsa dello spread e al calo delle entrate familiari, gli italiani  –  facendo violenza a se stessi  –  hanno imparato a usar meno il cellulare. Nei primi nove mesi dell’anno le entrate di Tim, Vodafone e Wind sono calate di oltre un miliardo di euro….

Nel terzo trimestre di quest’anno le compravendite di abitazioni tra privati    sono state 95mila, il 26% in meno di un anno fa quando già il mercato batteva la fiacca. La spesa totale degli italiani per il mattone calerà a fine anno di 18 miliardi. Volumi ridotti al lumicino come non si vedeva dagli anni ’90. I crolli dei prezzi (-8,4% nel 2012, ma per l’Istat potremmo arrivare a -20%) non sono bastati a scaldare gli aspiranti compratori…

Più pollo e meno pesce. Più pane e meno vino. Più farina, cacao e uova e meno merendine confezionate. La finanziaria fai-da-te ha cambiato pure l’identikit del nostro carrello della spesa. Compriamo meno cibo (- 1,5% nel 2012), risparmiamo puntando sui prodotti senza marca (arrivati ormai al 20% del mercato) e sugli hard discount (l’unica tipologia di punti vendita ancora in attivo) e rivedendo il mix dei piatti in tavola. Il boom delle vendite di olio d’oliva (+7%), farina (+8%) e latte (+2%)  –  materie prime della gastronomia domestica  –  sono la testimonianza di come negli ultimi mesi siano state tagliate le uscite al ristorante e il cappuccino al bar.
Tengono anche cibi poveri come pane e pasta (+3%) mentre la scure dell’austerity  –  per la gioia dei bovini  –  ha ridotto del 6% la spesa per la bistecca. Resta invece in quota (+1%) la domanda per i poveri polli, rei solo di essere più economici. L’onda lunga dell’austerity non risparmierà nemmeno Babbo Natale. La spending review non fa mai festa e gli italiani spenderanno per regali e cenoni “solo” 36,8 miliardi, uno in meno del 2011. San Silvestro, stavolta, si dovrà accontentare di fuochi d’artificio low-cost.

http://www.repubblica.it/economia/2012/12/12/news/tagli_e_risparmi_per_33_miliardi_ecco_la_spending_review_delle_famiglie-48567656/

2 euro al litro: record per la benzina

Nuovo record per il prezzo della benzina: oltre 2 euro al litro, massimo storico per la rete ordinaria, cioè fuori dalle autostrade

Con i nuovi rincari, fanno sapere i consumatori, le famiglie spenderanno 768 euro in più all’anno, la stessa cifra che una famiglia spende mediamente per 50 giorni di spesa alimentare. Lo hanno calcolato Federconsumatori e Adusbef: i costi diretti in più per i pieni saranno di 420 euro annui. «Cifra ragguardevole», commentano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef «a cui si aggiungono i maggiori esborsi dovuti agli aumenti indiretti (soprattutto per il trasporto delle merci), pari a ben 348 euro annui». Il totale degli aumenti calcolato dalle associazioni ammonta quindi a 768 euro annui.

http://www.corriere.it/economia/12_agosto_22/benzina-oltre-due-euro-record_43e0fa94-ec40-11e1-9004-4e22268e2993.shtml