Com’è andata a finire?

Ecco un post del settembre 2012…

Com’è andata a finire?

Il caso di una nuova azienda ( start up) che sfida l’oligopolio nel settore della telefonia cellulare

E’ partito ufficialmente Bip Mobile, il primo operatore italiano di telefonia mobile low-cost. Tante le promesse: una tariffa unica (così non bisogna cervellarsi con mille calcoli) e competitiva. Non una tariffa bando (come qualcuno si aspettava) ma un 3×3: 3 centesimi al minuto verso tutti (e non solo in Italia) con scatto alla risposta di 16 cent, senza opzioni né canoni. Si tratta della tariffa più bassa sul mercato: il 75% in meno dei 12 cent che applicano attualmente gli altri operatori……

Ci sono tre parole che sintetizzano la mission di Bip Mobile: be smart, fast e simple.Tre parole che riassumono un mondo nuovo: quello di un’azienda che utilizza la logica cloud ed ha una struttura di costi completamente innovativa. Be smart, per dire al cliente che può fare una scelta intelligente, spendendo di meno e ottenendo un servizio di qualità. Be fast, perché l’azienda sarà veloce e reattiva alle esigenze del mercato, capace di cambiare gli elementi competitivi in pochi giorni. Be simple, perché i clienti e anche i rivenditori devono capire nell’immediato quello che si offre..

La società punta a 700.000 clienti entro 6 -8 mesi (break even) e a un milione  entro un anno…

L’Antitrust qualche giorno fa  ha avviato un’istruttoria nei confronti di Telecom Italia, Vodafone e Wind per verificare che i tre colossi non abbiamo messo in atto una sorta di cartello per ostacolare l’ingresso sul mercato del nuovo operatore.

http://www.helpconsumatori.it/secondo-piano/bip-mobile-al-via-la-tariffa-3×3-delloperatore-low-cost/52611

 ……………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

Gennaio 2014

Brutta sorpresa di fine anno per i 220 mila italiani con un numero di cellulare Bip Mobile: da due giorni si trovano con la linea staccata. Non possono più fare né ricevere telefonate. E ora su quest’operatore mobile virtuale, caratterizzato da tariffe molto low cost, si rincorrono voci di imminente chiusura. Le linee sono mute, infatti, perché il fornitore di Bip Mobile, Telogic, ha staccato la linea il 30 dicembre accusando il cliente di una pesante insolvenza.

http://www.repubblica.it/economia/2014/01/01/news/bip_mobile-74929860/

PARTE LA CLASS ACTION..

http://www.repubblica.it/tecnologia/2014/01/03/news/bip_mobile_class_action-75043680/