Cina, crescita 2017 prevista al 6,5%

L’economia della Cina crescerà del 6,5% nel 2017. Lo ha annunciato il premier Li Keqiang al Congresso nazionale del Popolo, il Parlamento di Pechino i cui 3 mila membri mettono il timbro su decisioni prese altrove in segreto.
Il dato più atteso è sempre quello del Prodotto interno lordo, perché ancora l’anno scorso la Cina ha contribuito per il 30% alla crescita globale: questo successo Li lo ha sottolineato in apertura. Nel 2016 il Pil cinese ha toccato i 10,82 miliardi di dollari, secondo solo a quello degli Usa.
Il Pil cinese nel 2017 crescerà secondo le previsioni di Pechino «intorno al 6,5%, o di più se sarà possibile in pratica». Continua il rallentamento rispetto al 6,7% del 2016, ma «nella stabilità», parola che Li ha ripetuto più volte. Bisogna «controllare i rischi sistemici», dice Li. E annuncia nuovi tagli all’eccesso di capacità produttiva nell’acciaio: -50 milioni di tonnellate; e nel carbone -150 milioni di tonnellate. Nelle previsioni-obiettivo per il 2017 Li ha fissato un deficit di bilancio del 3% rispetto al Pil (più o meno quello che cercano di fare con risultati incerti i Paesi europei). Niente stimolo massiccio da parte dello Stato, ha detto Li, ma ha annunciato anche investimenti per 109,2 miliardi di euro per il settore ferroviario, e di 245,7 miliardi per le autostrade e le altre vie di comunicazione.
Ancora enfasi sull’aumento dei consumi interni e del reddito pro capite dei cittadini. Poi diverse citazioni per «la guida saggia del compagno Xi Jinping, cuore della leadership del Comitato centrale del Partito».
Un tono quasi poetico quando il primo ministro ha toccato la piaga dell’inquinamento, sottoprodotto dell’industrializzazione sfrenata, che soffoca le città della Cina: «Riporteremo il blu nei nostri cieli». Già ieri il cielo sopra Pechino era terso, grazie a un vento teso che ha spazzato via le polveri ultrasottili, il famigerato PM 2,5 che in mandarino si chiama «xikeliwu».
nessuna parte». «Ci opporremo risolutamente alle attività separatiste di Taiwan»……

GUIDO SANTEVECCHI

Corriere della Sera 6 MARZO 2016

http://www.corriere.it/economia/17_marzo_05/cina-crescita-2017-prevista-65percento-rallentamento-stabilita-e2cb88d0-0186-11e7-a0e6-2c98b97af02a.shtml

 

Per il Dragone è solo uno spot

NON credo che l’accordo Cina e Stati Uniti avrà l’impatto di cui oggi tutti parlano“. Richard Brubaker, il professore americano che insegna Sviluppo sostenibile alla China Europe International Business School di Shanghai, fondatore dell’autorevole think thank asiatico Collective responsibility, è cauto. “Questo accordo non fa abbastanza “.

Perché?
L’obiettivo 2030 posto da Pechino è troppo lontano. Per quella data le emissioni cinesi saranno raddoppiate visto che la crescita delle città cinesi continua massiccia e senza regole. In Cina questo ha ormai un impatto maggiore delle fabbriche che invece erano i maggiori responsabili di emissioni 10 anni fa. Seppure Pechino dovesse raggiungere gli obiettivi: nel 2030 ci sarà il problema di India, Brasile, Bangladesh, Nigeria… Paesi che non iniziano nemmeno a porsi il problema”.

Cosa manca all’accordo per funzionare?
“Da parte cinese la comprensione di quanto sia serio il problema. E questo non perché siano ignoranti, ma perché mettono l’economia davanti all’ambiente, la politica prima della sostenibilità. Detto questo, non credo che la crescita cinese possa continuare senza una diversa relazione col consumo di energia e il conseguente impatto sull’ambiente. Non raggiungeranno gli obiettivi senza drastici cambiamenti”.

I cinesi manterranno l’impegno?
“Personalmente avrei voluto vedere un piano più concreto. Che spiegasse come ridurre le emissioni nel consumo domestico, nei trasporti, nelle fabbriche…”.

Possiamo considerarla un’operazione di immagine?
“In parte sì. A breve ci sarà la Conferenza di Parigi sul clima. Possono arrivare dicendo: abbiamo firmato l’accordo, lasciateci in pace. Possono usarlo come “brand” positivo”.

Cosa ne pensa la gente comune in Cina?
“Ne sa poco. Qui non si parla di emissioni ed effetto serra, semmai di smog. Sanno cos’è il global warming , ma l’inquinamento preoccupa per i figli, è una cosa concreta. I cambiamenti climatici sono più astratti…”.

Cinesi e americani si fidano gli uni degli altri?
“Non so se si fidano, ma di certo sono arrivati al tavolo delle trattative da prospettive diverse. L’Occidente appunto parla di cambiamenti climatici, mentre l’Oriente di inquinamento e soprattutto di energia. La Cina pensa a fonti rinnovabili anche perché non ne ha abbastanza. Se su questi due punti si troverà un linguaggio comune, bene, le soluzioni esistono. Ma temo che non ci siamo ancora”.

http://www.repubblica.it/esteri/2014/11/13/news/brubaker_l_accordo_cina-usa_su_ambiente_non_basta_per_il_dragone_solo_uno_spot-100437572/

 

Usa-Cina : accordo per ridurre il gas serra

serraLa corsa per fermare il riscaldamento globale accelera. Stati Uniti e Cina hanno raggiunto un accordo per ridurre su base volontaria le emissioni di gas serra, finalizzato a diminuire i danni dell’inquinamento e favorire la firma di un nuovo trattato globale per rinnovare il Protocollo di Kyoto, al vertice in programma l’anno prossimo a Parigi. Così il presidente Obama, incassa un successo internazionale che gli consente di far passare in secondo piano la sconfitta subita dal suo partito alle elezioni midterm del 4 novembre scorso.

In base all’intesa bilaterale annunciata oggi da Obama e Xi Jinping, Washington si impegna a ridurre entro il 2025 le sue emissioni di gas serra di una quantità compresa fra il 26 e il 28% rispetto al livello del 2005. Pechino, invece, promette di raggiungere il massimo delle sue emissioni intorno al 2030, con l’intenzione di arrivare a questa soglia anche prima. Dal 2030 in poi il suo inquinamento comincerà a scendere, puntando sull’obiettivo di produrre il 20% della propria energia con fonti alternative non fossili entro quella data. L’impegno preso dagli Stati Uniti raddoppierà il ritmo della riduzione globale dell’inquinamento dall’1,2% annuo tra il 2005 e il 2020, al 2,3 – 2,8% nel periodo successivo dal 2020 al 2025. Per la Cina, invece, passare dallo zero al 20% di consumo energetico basato su fonti che non producono emissioni vorrà dire sviluppare tra 800 e 1.000 gigawatts con gli impianti nucleari, eolici, solari, o di altra tipologia alternativa.

Insieme Usa e Cina sono responsabili di circa un terzo delle emissioni globali di gas serra, e quindi il loro accordo ha un doppio valore: sul piano pratico, infatti, riduce l’inquinamento; e su quello diplomatico offre una forte spinta alle trattative in corso per rinnovare il protocollo di Kyoto, durante il vertice Onu sul clima previsto a Parigi nel 2015. Per il presidente Obama, poi, l’intesa con il collega Xi ha anche un importante valore politico, perché gli consente di ottenere un risultato tangibile subito dopo la sconfitta nelle elezioni midterm. Il primo passo verso una serie di iniziative che prenderà sfruttano i suoi poteri esecutivi, per restare rilevante e salvare la sua eredità storica.

http://www.lastampa.it/2014/11/12/esteri/stati-uniticina-raggiunto-laccordo-sull-emissione-di-gas-serra-Ch4Jqw3HLpeoNBCUV9777O/pagina.html

http://www.repubblica.it/ambiente/2014/11/12/news/gas_serra_usa_e_cina_s_impegnano_a_ridurre_le_emissioni_entro_il_2030-100336891/

 

 Il Protocollo di Kyoto e il post-Kyoto

Con il termine “Protocollo di Kyoto” si intende l’accordo internazionale sottoscritto il 7 dicembre 1997 da oltre 160 paesi partecipanti alla terza sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione sui cambiamenti climatici (UNFCCC ). Oggetto del Protocollo è uno degli aspetti del cambiamento climatico: la riduzione, attraverso un’azione concordata a livello internazionale, delle emissioni di gas serra.

Obiettivo del Protocollo è la riduzione delle emissioni globali di sei gas, ritenuti responsabili di una delle cause del riscaldamento del pianeta, primo tra tutti l’anidride carbonica (CO2). Gli altri gas interessati sono il metano (CH4), l’ossido di azoto (N2O), l’esafluoruro di zolfo (SF6), gli idrofluorocarburi (HFCs) e i perfluorocarburi (PFCs).

 Protocollo di Kyoto ha impegnato i Paesi industrializzati ed i Paesi con economia in transizione a ridurre del 5,2%, rispetto ai livelli del 1990, le emissioni di gas in grado di alterare l’effetto serra del Pianeta entro il 2012. ….

Nel corso della 18a conferenza delle Parti dell’UNFCCC (COP 18) e dell’8a conferenza delle Parti che funge da riunione delle Parti del protocollo di Kyoto (COP/MOP 8), tenutasi a Doha (Qatar) dal 26 novembre all’8 dicembre 2012, l’impegno per la prosecuzione oltre il 2012 delle misure previste dal Protocollo è stato assunto solamente da un gruppo di Paesi (tra i quali Unione Europea, Australia, Svizzera e Norvegia), che rappresentano appena il 15% circa delle emissioni globali di gas-serra. I 200 paesi partecipanti hanno invece lanciato, a partire dal 1° gennaio 2013, un percorso finalizzato al raggiungimento, entro il 2015, di un nuovo accordo che dovrà entrare in vigore nel 2020.

http://www.camera.it/camera/browse/561?appro=9&L’attuazione+del+Protocollo+di+Kyoto

Crescere o decrescere? Questo è il problema

decresVorrebbe introdurre la settimana lavorativa di 20 ore per tutti e chiudere il 50% delle autostrade tedesche e il 75% degli aeroporti, perché sono dei “Klimakiller” e delle “arterie vitali della distruzione”. Ecco a voi Niko Paech, il più noto “economista post-crescita” in Germania, il più radicale profeta della decrescita in un Paese che della crescita ha fatto il suo tradizionale punto di forza. 51 anni, professore di Produzione e Ambiente con contratto a tempo determinato all’università di Oldenburg, sassofonista in due band nel tempo libero, Paech non si limita a chiedere di tagliare i consumi perché ormai, come spiegava qualche giorno fa al Tagesspiegel, «non consumiamo più per aumentare la nostra felicità, bensì per evitare l’infelicità che si rischia quando gli altri hanno da esibire più cose di noi, cioè non consumiamo più per eliminare la scarsezza, bensì per formare la nostra identità». 

Paech applica anche nella vita quotidiana i principi che illustra nelle sue conferenze, 80 solo l’anno scorso, date in genere senza intascare un soldo (si fa solo coprire le spese). Bisogna consumare meno? Ecco allora che Paech non ha un cellulare, non possiede una casa di proprietà, compra usati i libri di letteratura specializzata, se ne va in giro con una vecchia giacca che ha comprato al mercatino delle pulci e ha portato in sartoria per farsela adattare, non mangia carne né uova, non ha un’auto, visto che si sposta in treno oppure su una delle sue due bici. Sull’aereo c’è salito una sola volta in vita sua. Ha un notebook, che però appartiene all’università; il suo ormai non poteva più portarselo in giro, visto che era diventato impossibile lavorarci solo con le batterie: l’aveva usato per dieci anni di fila. Ma non l’ha gettato: l’ha passato alla sua ragazza, una cuoca vegetariana. Del resto, ricorda la Zeit, Paech ha contribuito a tirar su a Oldenburg un mercatino per scambiare oggetti usati e lui stesso lo visita regolarmente. ….

http://www.lastampa.it/2012/12/13/economia/paech-profeta-della-decrescita-radicale-aboliti-aereo-cellulare-carne-e-uova-uMigHIEARH9tKm6wnqdrKK/pagina.html

Otto mesi per esaurire i beni di un anno

Il 22 agosto è il giorno in cui il consumo di beni naturali nel mondo supera la quantità prodotta nell’intero 2012. Una data, calcolata dal Global Footprint Network di Londra, che ogni anno si sposta indietro: nel 1987 era il 19 dicembre. “Entro la metà del secolo ci serviranno due pianeti

Vivere al di sopra dei propri mezzi? Si può fare: basta accumulare debiti, o dare fondo ai propri risparmi. Gli effetti, però, possono essere nefasti. L’economia globale non ha solo debiti finanziari, ma anche e soprattutto ambientali: oggi, a nemmeno due terzi del 2012, è già l’Overshoot Day, giorno in cui si sono esauriti i beni naturali che il pianeta è in grado di rigenerare in un anno. “Per sostenere i nostri elevati consumi, abbiamo liquidato le riserve di risorse e abbiamo permesso che la Co2 si accumulasse nell’atmosfera”, spiega il Global Footprint Network (Gfn), l’istituto di ricerca che da 25 anni calcola il deficit ecologico planetario

http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/08/21/pianeta-terra-consumati-in-otto-mesi-anno-di-risorse/330696/