L’oro bifronte

alkimC’ è qualcosa che accomuna alchimisti e mercanti tra XII e XIII secolo: la febbre dell’oro. Certo, non allo stesso modo. Da una parte c’è l’oro come metafora della bellezza e dell’equilibrio, creato da un’arte capace di «unire la Terra al Cielo e mettere in contatto il mondo interiore con le forze del mondo superiore», secondo la celebre espressione di Pico della Mirandola. Dall’altra c’è l’oro come elemento del profitto, il moltiplicatore che permette di costruire la ricchezza con la ricchezza: l’elemento fondante di una società che muove ora i suoi primi passi, che si regge su una nuova idea che ammalia. L’idea del mercato e del capitale. Tuttavia, qualche analogia tra i due universi c’è. Innanzitutto di mentalità, di un pensiero, comunque, innovatore. Vedere insieme il maestro e l’apprendista, lavorare indaffarati al riverbero del crogiolo, non rimanda soltanto la mente a pratiche occulte o a derive esoteriche ma alla sperimentazione che, per la prima volta, emerge, sebbene in maniera spesso oscura, come strumento della conoscenza. D’altronde, che cos’è l’alchimia, se non una scienza della materia, una scienza del fare e dell’operare? E il mondo dei mercanti, non è, in prima battuta, un universo che mescola insieme intraprendenza, intuito, informazioni, saperi, conoscenza’ L’altro elemento di analogia è che i nostri due mondi attingono allo stesso bacino, che è quello della grande civiltà musulmana. Non c’è niente da fare e bisogna constatarlo: il mondo occidentale di XI, XII, XIII secolo è in marcia, ma ancora sottosviluppato nei confronti della grande civiltà urbana che va da Baghdad a Granada e forma una grande koiné culturale e un’economia-mondo che si sviluppa dall’Oceano Indiano a quello Atlantico. Tra le discipline che l’Islam aveva ereditato dalla tarda antichità greca c’è l’alchimia. Con tante nuove sfumature e modifiche, con nuovi innesti indiani e persiani. Che dal XII secolo sbarcano in Europa. Il fine: trasmutare e invertire i processi naturali. Permettere all’uomo di mutare il metallo vile in oro. O di ottenere l’elisir di lunga vita. Tutto sulla base di un vocabolario protoscientifico calato dalla tradizione musulmana, con termini per noi comuni come amalgama, alcali, nafta, alcol, elisir e la stessa parola alchimia. Ci riuscirono gli alchimisti a rivoluzionare il mondo? Prendendo alla lettera la ricerca alchemica, scrive Michela Pereira, «si deve concludere con la constatazione del suo fallimento, perché né l’oro artificiale né l’elisir dell’eterna giovinezza sono stati mai prodotti». Ma è stato creato altro: un bagaglio di conoscenze e di tecniche che contribuirono alla futura sperimentazione chimica. Andò molto meglio ai mercanti. Che l’oro non lo seppero trasmutare, ma furono abilissimi a ottenerlo attraverso un’innovazione che ha avuto un discreto successo: il Mercato. All’epoca l’oro si produceva specialmente in Africa. Il cuore della produzione era il Sudan dell’impero del Malì. Da lì mille mani lo manipolavano: cercatori d’oro, cammellieri tuareg, mercanti mandingo, commercianti dei porti del Mediterraneo africano, dove la corrente si interrompeva. Gli operatori italiani, specialmente toscani e liguri, intercettano questo flusso. E vi si immettono, coi loro prodotti: armi, lane, tessili in lino ecc. E hanno successo, creando uno sbocco mediterraneo che arriva fino ai porti di Pisa, di Genova, di Marsiglia ecc. e da qui in tutto l’Occidente. Fino ad arrivare a una città che è l’emblema stessa della rivoluzione commerciale: Firenze. Dove nel 1252, per la prima volta dopo secoli e secoli in Europa, si riprendono a coniare monete d’oro. E nasce il fiorino, il «gold standard» del medioevo. Che ebbe così tanti imitatori che alla fine del Quattrocento se ne contarono 61! Una bella storia, quella della febbre dell’oro medievale, vissuta agli antipodi tra due modi diversi di sognarla: di chi tentò di sperimentare la Creazione, sperando di fare di sé un novello demiurgo, senza purtroppo mai riuscirci; e di chi, più prosaicamente, immaginò che tutto quell’oro africano che passava fra le sue mani, avrebbe un giorno formato il calcestruzzo della repubblica internazionale del denaro, modificando una volta e per tutte gli assetti dell’economia europea.

Feniello Amedeo

http://archiviostorico.corriere.it/2015/settembre/03/oro_bifronte_co_0_20150903_a2e65512-51fe-11e5-bfa6-3f6f4e3f8987.shtml

L”oro bifronte

Corriere della sera 3 settembre 2015

 

Le lacrime di Sybille

Banchieri-medioevo[1]I banchieri dei grandi scambi internazionali sono una categoria così impopolare da far spesso dimenticare un dettaglio: li abbiamo inventati noi. I primi uomini di finanza, capaci di garantire gli scambi di merci, valuta o di debito attraverso le frontiere europee, furono quasi tutti italiani. Fiorentini, pisani, senesi, lucchesi, astigiani, genovesi o parmensi nati nel dodicesimo o nel tredicesimo secolo e cresciuti nell’idea di creare denaro tramite altro denaro, aiutando (in teoria) il prossimo a concludere i propri affari in spezie, tessuti o derrate agricole.
Neanche all’epoca aveva l’aria di essere una professione dignitosa. A Firenze o in Piemonte la pratica di prelevare un tasso d’interesse sui prestiti appariva talmente spregevole da essere riservata unicamente agli ebrei. Questo non impedì al numero di professionisti del settore in Italia di continuare a crescere durante i decenni del «big bang» finanziario e commerciale del basso medioevo. Solo a Firenze, fra il 1304 e il 1314, il numero dei cambiavalute salì da 274 a 314 e le «tavole di cambio» passarono da 93 a 135.
Era una finanza spesso sregolata, da robber barons del capitalismo americano di fine ‘800 o da locuste di Wall Street dei momenti più febbrili delle bolle dell’ultimo ventennio. Allora come oggi, c’era chi non apprezzava e provava a ribellarsi contro i banchieri che si accaparravano le risorse dei propri stessi clienti. Ma allora come oggi, non era facile prevalere sulla forza del denaro e dei professionisti che esso è in grado di mobilitare. Ce lo mostra un lavoro sorprendente di Amedeo Feniello, uno storico del medioevo con una lunga carriera d’insegnamento negli Stati Uniti e in Francia: la storia di una giovane vedova francese che da sola decide di sfidare in tribunale i banchieri fiorentini che l’avevano raggirata. Avesse avuto qualche altro cliente dalla sua parte, la si potrebbe chiamare la prima “class action” della storia, alla quale avrebbero fatto seguito quelle dei clienti di Lehman Brothers, di quelli di Bernie Madoff, degli obbligazionisti di Parmalat o di quelli del governo argentino.
Purtroppo però la donna, Sybille de Cabris, era sola. Dalle lacrime di Sybille. Storia degli uomini che inventarono la banca (Laterza, 2013) di Feniello ricostruisce la vita e la battaglia giudiziaria di una ragazza provenzale, figlia di cacciatori di saraceni, che non corrisponde in niente allo stereotipo della donna medievale. Da quello che sappiamo, Sybille fu capace di autonomia di giudizio, tenacia di fronte ai banchieri che le avevano sottratto il patrimonio, spirito imprenditoriale e coraggio. Trasferite sette secoli più tardi, le vicende drammatiche della sua vita potrebbero diventare la trama di una produzione hollywoodiana. Nel 1335 Sybille sposa giovanissima Annibal de Moustier, cavaliere e signore della valle provenzale d’Entrevennes, oggi nota soprattutto per i campi di lavanda cari agli impressionisti francesi.
Interessante che all’epoca la Germania eravamo noi: la dote portata ad Annibal è della ragguardevole somme di duemila fiorini d’oro di Firenze. Era infatti la città-Stato toscana a battere la moneta emblema di valore, stabilità e affidabilità negli scambi internazionali dell’epoca. Da quando era stato coniato nel 1252, il fiorino d’oro di Firenze si era imposto in Europa in quanto moneta di riserva e di scambio,un po’ come nel ventesimo secolo era successo alla Deutsche Mark sin quasi dalla creazione nel 1948.
Ma neanche il patrimonio in valuta pregiata, a cui si aggiungono i possedimenti in Campania e in Sicilia, permette Sybille e al marito Annibal un avvenire sicuro.
I due sono giovani, belli e, secondo quanto riferisce per lettera un amico di famiglia, realmente innamorati. Lui però muore all’improvviso nel giorno di Ognissanti del 1335, lasciandola vedova a meno di vent’anni e incinta. La famiglia di lui a quel punto complotta contro di lei nel tentativo di impossessarsi dei suoi beni, accusandola di fingere la gravidanza solo per accaparrare l’eredità del marito defunto.
Seguono umilianti prove corporali per dimostrare agli emissari dei suoceri di essere realmente incinta. Sybille si difende e alla fine prevale, ma questo è solo l’inizio delle sue peripezie. Con un sorprendente spirito imprenditoriale, questa vedova del basso medioevo passa in rassegna i suoi beni decisa a valutare quanto le rendano e se abbia senso mantenerli. Molto presto decide di vendere il suo castrum nel Regno di Sicilia, dal quale l’amministratore non trasmette alcuna rendita da anni, per reinvestire invece a scelta in una di tre proprietà provenzali in quel momento sul mercato. Sybille è una giovane donna capitalista, il cui problema è trasferire il ricavato della sua vendita in Sicilia verso la Provenza.
È qui che i banchieri entrano nella sua vita. I Buonaccorsi di Firenze prendono in consegna il denaro a Napoli e si impegnano, dietro commissione, a produrre una somma equivalente a chi presenti una lettera di credito da loro emessa presso la filiale della banca ad Avignone. Ciò avrebbe evitato il pericoloso viaggio delle monete d’argento attraverso tutta l’Italia e la Costa Azzurra.
Il secondo dramma nella vitadi Sybille esplode però all’arrivo ad Avignone: in città non c’è più alcuna filiale dei Buonaccorsi. La banca era fallita e i banchieri erano scappati senza liquidare i clienti, un’esperienza oggi ben nota ma allora quasi incomprensibile. Come in questo secolo, gli uomini di finanza non avevano svolto a dovere il loro mestiere ma potevano prevalere sui clienti anche grazie a quelle che gli economisti chiamano “asimmetrie informative”: conoscevano circostanze che gli altri ignoravano, ad esempio sull’effettivo stato della loro impresa o dei mercati.
Sybille piange, ma non si arrende. Oltre dieci anni più tardi, nel 1355, la troviamo a Firenze dove affida una denuncia contro i Buonaccorsi al tribunale della Mercanzia. Vuole indietro i suoi soldi. Sarà una sfida giudiziaria lunga molti anni, nella quale i banchieri si difendono mettendo in dubbio l’identità giuridica della ricorrente, le qualifiche professionali del suo “notaio” (avvocato) ser Zanobi di Buonaiuto Benucci e mille altri passaggi procedurali. Nel 1362 le parti stavano ancora litigando davanti ai giudici, e dell’esito della loro battaglia legale non resta purtroppo traccia. Certo i grandi banchieri fiorentini si seppero difendere con ogni possibile argomento tecnico a loro disposizione. E se la loro opaca cavillosità oggi ricorda qualcosa, ci sarà pure un perché.

Federico Fubini

“La Repubblica“,
23 dicembre 2013