Albero della legalità a Scampia

scampiaSpero che un telegiornale annunci: Scampia quartiere più bello di Napoli”, scrivono gli alunni del decimo circolo didattico. Mattia, invece, chiede a Gesù un “miracolo per cacciare ladri, killer e tutti i marioli”. Ma c’è anche chi vorrebbe “un nuovo parco giochi e un campo da calcio gratis” o “più negozi di abbigliamento e centri commerciali”. Sono alcune delle richieste contenute nelle letterine appese dai bambini delle scuole di Scampia all’albero della legalità, donato dalla società Bonificio group, e piantato in piazza Giovanni Paolo II. Ad accendere le luminarie il sindaco Luigi de Magistris e il presidente della municipalità Angelo Pisani davanti agli alunni accompagnati dai presidi e professori di alcune scuole del quartiere…..

La manifestazione, però, non ha conquistato i residenti, ne erano presenti pochissimi.  Presente anche padre Pizzuti, che ha detto: “Quest’anno inserirò le auto della polizia nel presepe”.
Un dato: nessuno si è affacciato alle finestre o dai balconi per guardare cosa accadeva durante l’naugurazione dell’albero..

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2012/12/21/news/scampia_i_sogni_dei_bambini_cacciate_i_killer_dal_quartiere-49227656/?ref=HREC1-11

Divieti a scuola…

bermudaDai cellulari al fumo, dalle minigonne ai baci, ai comportamenti poco consoni ad un luogo così importante come la scuola, la lista dei divieti in aula si è spesso modificata a seconda dei momenti e si è via via “arricchita” di nuove norme. Riuscire a mantenere la disciplina all’interno delle scuole è, infatti, una sfida che tiene impegnati quotidianamente docenti e presidi nel tentativo di essere educatori prima che docenti. Anche se, a volte, i divieti possono sembrare bizzari o esagerati…

Anche se gli istituti scolastici nella loro autonomia possono decidere come regolamentare o se vietare del tutto l’uso dei cellulari, il Garante ha stabilito che non si possono diffondere immagini, video o foto sul web se non con il consenso delle persone riprese. È bene ricordare che la diffusione di filmati e foto che ledono la riservatezza e la dignità delle persone può far incorrere lo studente in sanzioni disciplinari e pecuniarie o perfino in veri e propri reati.

L’insegnante può sequestrare l’apparecchio qualora verificasse un utilizzo illecito per impedire che questo possa essere reiterato, ma deve restituirlo al termine delle lezioni o affidarlo in custodia alla scuola per una successiva restituzione ai genitori ma non può portarselo a casa o in borsa così come non può assolutamente perquisire gli studenti: tutti reati perseguibili penalmente.

Vietato fumare a scuola, indipendentemente se ad accendersi la sigaretta sia uno studente o un professore: a stabilirlo è la legge che vieta il fumo nei luoghi pubblici e che, tra l’altro, prevede sanzioni in denaro. A volte i regolamenti di istituto possono essere più o meno tolleranti consentendo ad esempio il fumo all’aria aperta.

Nel corso degli anni sono stati diversi gli interventi, a volte inconsueti, in tal senso. Sul banco degli imputati sono finiti prima di tutto i capi d’abbigliamento più amati dai giovani: dai pantaloni a vita bassa, alle minigonne, dai jeans strappati ai bermuda, al piercing o canottiere troppo corte e magliette «nude look». Non solo, insieme ai vestiti all’ultima moda, spesso sono stati banditi anche accessori e gadget colpevoli di essere `fonte di distrazione´ per gli studenti: dalla gomma da masticare, alle figurine…..

http://www.lastampa.it/2012/12/16/italia/i-tuoi-diritti/responsabilita-e-sicurezza/scuola-dai-cellulari-al-fumo-la-lunga-lista-dei-divieti-in-classe-Nuj4lSSJ2kVGe88iyLisCJ/pagina.html

A 14 anni «ruba» un’identità per amore

Incoscienza, amore e fantasia: tre ingredienti che hanno portato una ragazza di 14 anni di Napoli a sostituirsi ad una coetanea assenteista (e quindi sconosciuta agli insegnanti) per frequentare, con la complicità degli altri alunni, una scuola, diversa dalla sua, e tentare di recuperare il rapporto incrinato con il fidanzatino. Insomma, di «far pace» con lui.

La ragazza, che ora rischia la denuncia da parte della Polizia per sostituzione di persona, è un’adolescente  che vive a Secondigliano e dovrebbe frequentare la terza media all’istituto «Berlinguer». Ma è fidanzata con un alunno iscritto alla prima superiore dell’istituto «Vittorio Veneto», nella vicina Scampia. E si è sostituita a una ragazza assenteista, iscritta alla stessa scuola del suo innamorato.

http://www.corriere.it/cronache/12_novembre_06/napoli-14enne-ruba-identita-scuola-fidanzato_093a927a-284e-11e2-9e66-88ac4e174519.shtml