Abolizione dell’obbigo di rispondere alle interrogazioni…

Un simpatico articolo di Giacomo Poretti sulle prossime elezioni

giacomo p…… Farò uno sforzo estremo tentando di indicarvi almeno i criteri di scelta dei candidati singoli, anche se non è facile: purtroppo ormai siamo arrivati al punto che se un candidato è serio, onesto, incensurato, eterosessuale e fedele alla moglie desta molti sospetti. Cosa ci fa uno così in politica, che vuole? «Sei venuto a rovinarci»? E poi sei così noioso, senza nemmeno una scappatella extraconiugale, senza nemmeno un accertamento di Equitalia per multe per eccesso di velocità non pagate. Un candidato così fa paura, e allora lo si liquida in questo modo: «Bravissima persona, niente da dire, ma non è adatto alla politica, non ha le palle, un tipo così dopo una settimana in politica se lo mangiano»…..

Finora i partiti si sono impegnati a formare le liste dei candidati e passeranno le prossime settimane a formare alleanze, a distruggerle, a ricostruirle, a ristrutturale, quindi credo che avremo solo il venerdì precedente le elezioni per capire gli obiettivi futuri: solo in quella serata i candidati premier faranno la loro promessa solenne agli italiani, solo in quella sera sigleranno il contratto con gli italiani promettendo l’inverosimile. A questo proposito, pare che le società di sondaggio stiano mettendo a punto degli studi particolari e le prossime proiezioni non saranno sulle intenzioni di voto degli elettori ma sulle sparate preelettorali dei partiti.

Da alcune indiscrezioni sembra che il quadro che emerge sia il seguente: a poco meno di un mese dal voto vince con il 93 per cento la promessa di abolizione totale delle tasse; al secondo posto, abolizione dell’obbligo di fedeltà coniugale con l’86 per cento; al terzo posto, abolizione della multa per parcheggio in doppia fila con l’84 per cento. Poi, a seguire: abolizione della raccolta differenziata; introduzione di assegni famigliari anche a chi non ha figli, per eliminare un’odiosa e ingiusta discriminazione sociale; introduzione dei buoni «happy hours»: dopo il secondo Cuba Libre, il terzo si potrà consumare gratis. Gli incentivi per fare ripartire l’economia sono al settimo posto.

Poi, un’attenzione particolare ai giovani e agli studenti: abolizione dell’obbligo di rispondere alle interrogazioni scolastiche, il professore potrà interrogare l’alunno solo in presenza del suo avvocato o con una liberatoria firmata da entrambi i genitori e congiuntamente dai loro testimoni di nozze. Poco spazio invece per gli anziani: è solo al ventiduesimo posto la promessa generica di lotta alla senilità, e al quarantesimo posto una velleitaria e quanto massimalista abolizione degli ospizi e delle case di riposo: a quel punto agli anziani non rimarrebbe che scappare dall’Italia….

La Stampa 27 genniao 2013

http://www.lastampa.it/2013/01/27/societa/nel-paese-che-scappa-mi-scappa-di-votare-CmFfXTusfZKFaPMBumftUM/pagina.html

Il precedente articolo

https://liceoeconomicosociale.wordpress.com/?s=giacomo

Votare è bellissimo: parola di Giacomo

giacomoCi sono state domeniche in cui andare a votare era bellissimo. Penso al referendum Repubblica o Monarchia e contemporaneamente, nella stessa domenica, all’elezione dei rappresentanti dell’Assemblea costituente; oppure a quella domenica di due anni dopo, nel 1948, in cui, dopo una campagna elettorale dai toni quasi drammatici, il Paese si mobilitò per andare alle urne: più del 90% degli aventi diritto si recò ai seggi. 

Si votò in tante altre domeniche e sempre con una straordinaria partecipazione popolare; personalmente ne ricordo almeno un paio dove l’esito della consultazione elettorale avrebbe modificato le abitudini del Paese e le mie: il referendum sul divorzio nel 1974 e la domenica del 20 giugno del 1976 in cui per la prima volta votarono anche i diciottenni, e io per la prima volta entravo in una cabina elettorale. Me la ricordo ancora quella domenica, i sogni di cambiamento che potevano avverarsi con quel segno scritto con una matita copiativa e la frustrazione avvilente nel constatare un paio di giorni dopo – non c’erano gli exit poll – che la lista per cui avevo votato aveva raggranellato un misero 1,52%.

Poi ci furono elezioni amministrative, referendum sulla caccia, sull’acqua potabile, sugli embrioni, sul finanziamento dei partiti che regolarmente viene abolito e immediatamente dopo ripristinato; elezioni politiche nazionali e per il Parlamento europeo. …

Mi hanno sempre appassionato le elezioni, tutti i tipi di elezioni, anche quelle per il rinnovo del circolo del tennis, dei rappresentanti dei genitori di classe, e dei consiglieri del condominio. Mi piace votare, mi piace esprimere le mie preferenze: tutte le mattine mi sveglio e dentro di me avviene una campagna elettorale per come mi devo vestire, si presentano le liste, quella dello «Spezzato classico con cravatta», «Citizen con maglioncino in cachemire», che vince quasi sempre, e «Pantalone strettissimo a tubo e corto a scoprire la caviglia, con giacca tre taglie in meno, tanto non usa allacciarla», la quale ottiene gli stessi voti grosso modo dell’Udc: non è mai decisiva ma rompe le balle a tutti quanti….

Nauseati, svogliati, confusi, straniti, avviliti, arrabbiati, delusi? Questa campagna elettorale assomiglia al calciomercato di gennaio: le nostre squadre fin qua hanno deluso e ora speriamo nel miracolo del top player per salvare la stagione.

La formazione delle liste elettorali segue le stesse regole delle squadre di calcio, i segretari di partito sono come i presidenti del pallone: solo da loro dipende la scelta dei futuri onorevoli e senatori, come l’acquisto del terzino di fascia o del centrocampista con i piedi buoni. Non esiste una consultazione democratica, la nostra felicità dipende dalla possibilità di spesa del nostro presidente o dalle simpatie del nostro segretario di partito….

Giacomo Poretti

http://www.lastampa.it/2013/01/13/societa/votare-e-bellissimo-quasi-sempre-a-volte-WetlK6XBr5FX4C8oV1jUEK/pagina.html