Governare o comandare? È più utile la prima opzione

Nell’avvicinarsi dell’appuntamento elettorale si sono nel tempo moltiplicate le schermaglie politiche sul mito, sempre molto attrattivo, del «comando». E sull’argomento si confrontano sia coloro che nutrono nostalgia di quando il comando l’hanno esercitato (da D’Alema a Renzi) sia altri che si presentano come espliciti candidati ad esercitarlo in futuro (da Di Maio a Grasso e Salvini).

Sono schermaglie certo legittime, almeno sul piano delle ambizioni personali, ma ruotano su un errore culturale e politico di fondo: oggi il Paese esprime il bisogno di qualcuno che «governi» e non di qualcuno che voglia più semplicemente «comandare». Insistere su questa seconda opzione induce sospetti di protagonismo individuale e finisce per nascondere il vero problema dell’attuale nostra classe dirigente: questa non ha cultura di governo, e vi supplisce enfatizzando la funzione di comando, che è certamente essenziale nei singoli campi dell’azione pubblica, ma che mal si addice quando si tratta di pensare e di governare più vaste strategie di sistema.

Nell’imminenza delle elezioni politiche una tale zoppia della classe dirigente si traduce nell’ansia evidente con cui si cerca di trovare personalità cui affidare le sorti delle formazioni in gara. I leader di partito si offrono come potenziali comandanti, con accanto la loro truppa di peones parlamentari e partitici, nella comune speranza che gli elettori li certifichino classe di governo. In «cotanta miseria» si cerca un po’ di «patrizia prole» che dia decoro alle liste ed appetibilità per gli elettori minimamente scolarizzati. Ma la patrizia prole, cioè la tanto citata società civile, non ha alcuna possibilità di coprire le esigenze di governo sistemico: nel suo orgoglio non vuole far truppa, ma da parte sua non ha coltivato quella arte della strategia (socioeconomica oltre che politica) che è l’anima e la sfida di chi vuole guidare la società nel suo complesso.

Fa specie cogliere in questo segmento di nuova offerta elettorale figure che appartengono inderogabilmente più alla categoria dell’intendenza, magari anche nobile, che alla categoria degli strateghi e dei condottieri. Ci ritroviamo magistrati di vario livello, alti burocrati, operatori della comunicazione, militari di storia e prestigio, qualche professore di diverse discipline; qualcuno di loro forse ha comandato nel proprio campo, ma a nessuno sfugge il fatto che sono per natura (e forse per vocazione) uomini di «intendenza»; e viene naturale ricordare che Napoleone, avanzando per merito dei suoi Marescialli, diceva con realismo che «la intendenza seguirà». Sono infatti i primi con cui si vincono battaglie e guerre; con l’intendenza si gestiscono nel migliore dei casi le parate del giorno dopo, e nel peggiore le faticose ritirate.

Ci avviamo allora ad un’offerta elettorale fatta da nessuno stratega, qualche esponente di media o grande intendenza, tanti potenziali peones, con naturalmente la immancabile quota di cacicchi locali con le loro tribù portatrici di voti. Un’offerta strutturalmente povera, affidata quindi alle schermaglie di vertice ed alla impressività mediatica dei leader. Continua così a sopravvivere, ma si slabbra ulteriormente, il tessuto di rappresentanza e di partecipazione messo in crisi dalle vicende degli ultimi trenta anni. C’è allora da sperare che questo continuismo non regga ancora per molto tempo, visto che c’è nella società un bisogno di andare oltre l’attuale malcontento rancoroso e di mettere in moto un nuovo ciclo di vitalità sociale. Ma un nuovo ciclo non si costruisce con la promozione di carriera dell’intendenza combinata con una classe politica attratta prevalentemente dal mito del comando.

Giuseppe De Rita

Corriere della Sera, 5 gennaio 2017

http://www.corriere.it/opinioni/18_gennaio_05/governare-o-comandare-piu-utile-prima-opzione-2a844df8-f16c-11e7-b33d-56f05ccceb4d.shtml

 

Machiavelli, Guicciardini e i giorni nostri…

machiavelli[1]I vizi, i difetti, l’immoralità allignano in tutti i paesi e in tutti ceti, ma da noi hanno un’intensità particolare che deriva da un atteggiamento di generale disprezzo verso le istituzioni e verso lo Stato che tutte le contiene.
Lo Stato è considerato un corpo estraneo o addirittura nemico, che taglieggia i cittadini, impone immotivati sacrifici e fornisce pessimi servizi. Chi lo rappresenta viene odiato oppure  –  se se ne ha la possibilità  –  corrotto da persone della società civile che sarebbe la sede di tutte le virtù.

La scarsa efficienza e il tasso di corruzione di chi giudica le istituzioni è sicuramente più elevato che altrove, ma purtroppo non si limita alla sfera del potere pubblico: ha gli stessi vizi anche in quella parte della società civile dalla quale emerge la classe dirigente economica. Ogni paese ha la classe dirigente che si merita poiché quest’ultima non spunta dal cielo ma ha le sue radici nella terra che amministra.

Constatare questa situazione non significa dare un giudizio morale sugli italiani ma comporta un giudizio storico. Fu anticipato, quel giudizio, da Machiavelli e da Guicciardini che fecero nei primi anni del Cinquecento un’analisi accurata ed anche rattristata e memorabile della società in cui vivevano.

Machiavelli arrivò alla conclusione che per creare lo Stato italiano ci volesse un Principe che con ogni mezzo, anche il più violento e immorale, unificasse un paese altrimenti ingovernabile. Guicciardini aborriva la violenza e constatò anche lui che il paese era ingovernabile perché ogni cittadino badava soltanto al suo “particulare” interesse e disprezzava quello pubblico e le regole che la convivenza sociale inevitabilmente comporta.
Questi giudizi sono purtroppo ancora attuali anche se la democrazia è ormai diffusa in tutto l’Occidente. Quell’indifferenza alla “res publica” che Guicciardini descrisse perdura purtroppo tuttora anche perché lo Stato italiano nacque soltanto 150 anni fa, quando in tutta Europa gli Stati si erano formati tre o quattro secoli prima. Perciò la nostra indifferenza alla vita pubblica, la nostra scelta del “particulare”, il tasso di corruzione, di evasione fiscale, d’illegalità, il nostro disprezzo per le regole, la nostra disponibilità alla demagogia, sono un derivato della nostra storia. “Francia o Spagna purché se magna” è un proverbio che sintetizza quattro secoli di servitù a potenze straniere e a Signorie servili e corrotte.

Siamo molto migliorati da allora, ma gli altri paesi sono assai più avanti e in tempi di società globale questo distacco si vede, si sente, si soffre.

Eugenio Scalfari su Repubblica del 20 gennaio 2013

http://www.repubblica.it/politica/2013/01/20/news/l_araba_fenice_della_societ_civile-50905837/